2+2=? Quando i conti non tornano: Discalculia

Uno dei disturbi dell’apprendimento meno conosciuti è la discalculia.

I numeri fanno inevitabilmente parte della nostra vita. Date di nascità, età, numeri di telefono; siamo immersi nei numeri sin dalla nascita.

http://genitopsicologia.it/wp-content/uploads/2017/05/mathematics-757566__340.jpg

Diverso è però avere a che fare con la matematica, la geometria, l’algebra e qualsiasi altra cosa che ci richieda di mettere insieme i numeri rispettando delle regole e ottenendo dei risultati precisi. Dopo aver appreso regole e proprietà dei numeri, dalle elementari in poi, nella nostra mente alcuni processi si automatizzano ed è grazie a questi automatismi che siamo in gradi di rispondere immediatamente a domande come:

“Quanto fa 2+2?”
“Il risultato di 6*4?”

Le risposte a domande del genere sono immediate. Non abbiamo bisogno di usare le dita per contare o di perdere tempo per sommare 2+2; nella nostra mente il risultato è già ben chiaro.

Sono diversi i tipi di calcolo che possiamo utilizzare:
calcolo a mente, in cui ci serviamo di strategie costruttive che ci permettono di scomporre un’operazione complessa in sotto – operazioni più semplici e immediate da risolvere per poi giungere al risultato finale;
calcolo scritto, in cui ci serviamo di procedure precise più o meno automatizzate che ci permettono di giungere al risultato avendo sempre davanti agli occhi ciò su cui stiamo operando.

Se tutto ciò risulta assolutamente facile per alcune persone e un po’ più complicato per chi è meno portato alla matematica, proviamo a immaginare la difficoltà che può trovare chi ha un DSA.

Discalculia: cos’è?

I problemi di chi ha un DSA legato alla matematica e geometria dipendono dalla enorme difficoltà a memorizzare ed automatizzare regole matematiche.

Se nella mia mente non è mai diventato automatico il fatto che 2+2 fa 4, non sarà per niente semplice risolvere l’operazione 22+22 (mentre per la maggior parte delle persone il risultato è immediato).
Lo stesso accade per operazioni più complesse, come ad esempio le divisioni, che danno per assunte le regole delle operazioni precedenti.

Come si può aiutare un discalculico?

Come per tutti i DSA, è impossibile raggiungere un livello di apprendimento “normale”, ma è possibile potenziare le proprie capacità e sfruttare le proprie risorse.

Diventa fondamentale, quindi, fornire al ragazzo gli strumenti giusti (tabelle, calcolatrici, formulari) ed insegnargli il modo migliore di usarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *